Curare il dolore con il cibo: la dieta ipotossica.

Nell’ambito delle nostre ricerche inerenti ai cibi più adatti per le persone affette da CMT, abbiamo approfondito l’analisi di un testo che ci è stato segnalato dalla cara Sonia Lauth, referente dell’associazione amica CMT FRANCE. Si tratta del libro scritto dalla Dssa Jacqueline Lagacé, medico specializzato in immunologia e virologia all’Università di Montreal, il cui titolo è L’ALIMENTAZIONE ANTIDOLORE (Jacqueline Lagacé – Sperling & Kupfer – Milano 2012).

Come racconta lei stessa, la Lagacé soffriva di artrite e artrosi. Le fitte lancinanti alle mani, le articolazioni delle dita bloccate, i forti dolori alla schiena, l’insonnia e la depressione rendevano la sua vita un calvario. Un giorno, però, la Dottoressa viene a conoscenza della Dieta Ipotossica del Dr Jean Seignalet, immunologo e biologo francese e la sua vita cambia radicalmente. In poco più di 10 giorni di regime il dolore sparisce, mentre in sedici mesi  appena recupera totalmente l’uso delle dita.

Da quel momento in poi, lo studio di questa dieta diventa per lei una missione di vita, affinché molti altri possano trovare sollievo dalla sofferenza cronica. La Lagacé analizza tutti gli studi e i dati documentati su questo tipo di alimentazione; verifica quali cibi sono terapeutici e quali deleteri; scopre come potenziare le difese immunitarie e sceglie le cotture più sane o gli integratori più utili. Approfondisce, inoltre, le predisposizioni genetiche; individua le patologie trattabili con maggiore efficacia e introduce preziosi adattamenti per la dieta quotidiana in base alle diverse esigenze. Apre un blog dove risponde in modo esaustivo e ricercato alle domande di chi è interessato: http://jacquelinelagace.net/.

Vogliamo segnalarvi questo libro e approfondire l’argomento insieme a voi perché riteniamo che alcuni principi di questa dieta, se applicati nel modo giusto, potrebbero essere validi anche per chi soffre di CMT (ed in particolare di tipo CMT2A). La riduzione dello stato infiammatorio potrebbe, infatti, migliorare lo stato generale della persona, mentre la sua efficacia nel contenimento peso potrebbe aiutare a controllare un aspetto da sempre problematico per chi soffre di mobilità ridotta.

Per esperienza personale, possiamo dire che questo regime è particolarmente efficace se associato all’analisi delle intolleranze alimentari effettuata mediante il CITOTEST (si effettua con analisi del sangue). In questo modo, infatti, si ottiene una dieta personalizzata dalla quale vengono eliminati, per periodi più o meno prolungati, i cibi che ci fanno male; una dieta su misura che diventa veramente efficace se seguita con costanza.

Nei prossimi post approfondiremo questo argomento, con articoli specifici e facili ricette che abbiamo cucinato apposta per voi seguendo i principi dell’alimentazione antidolore e antiinfiammatoria.

Dobbiamo però segnalare che la Dssa Lagacè, in modo molto serio, afferma di non conoscere ancora i risultati di questo regime alimentare per la cura delle malattie neurologiche, ma che, anzi, sta raccogliendo i dati dai pazienti. Precisiamo come sempre, inoltre, che si tratta solo di suggerimenti, i quali devono sempre essere verificati con il proprio medico curante.

Anche il quotidiano La Stampa ha parlato di questo argomento! Per approfondire:

http://www.lastampa.it/2012/06/14/scienza/benessere/alimentazione/via-i-dolori-con-il-cibo-PkkSIobiCDydi6FVQAuamM/pagina.html

Annunci

Un pensiero riguardo “Curare il dolore con il cibo: la dieta ipotossica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...